Mantra e Kundalini yoga

MANTRA E KUNDALINI YOGA

Parlando di Kundalini Yoga i mantra hanno una grande importanza; soprattutto i mantra di apertura, chiamati Adi Mantra e Mangala Charan Mantra, che aprono ogni esperienza di Kundalini Yoga.

Il Kundalini Yoga nasce dallo studio e dalla pratica di tanti yogi nel corso di millenni ed è stata passata da maestro a discepolo.
Questa tradizione attraverso il tempo da maestro a discepolo crea, secondo i maestri del Kundalini Yoga, una catena che è chiamata “catena d’oro”: ossia un flusso infinito di trasmissione che supera i limiti dello spazio e del tempo, rendendo in questo modo gli insegnamenti come qualcosa che arriva dall’infinito e che viene mantenuto in  eterno attraverso ogni singolo anello di questa catena.

ADI MANTRA
Per entrare in contatto con questa catena di esperienza si canta il mantra.

Nel Kundalini Yoga questa tradizione è molto importante, tanto che si inizia l’esperienza del kundalini yoga solo dopo aver cantato l’Adi Mantra, che  connette al potere di trasmissione degli insegnamenti della “catena d’oro”.

Cantando l’Adi Mantra si risveglia il senso di umiltà verso gli insegnamenti, ricevere in maniera umile appunto la filosofia e gli insegnamenti per cui è fondamentale per praticare il Kundalini Yoga come insegnato da Yogi Bhajan.adi mantra e kundalini yoga

COME SI ESEGUE L’ADI MANTRA 
Partendo dalla Posizione facile

1. La posizione del corpo
Sediamoci a gambe incrociate in sukhasana o “posizione facile”, con la colonna vertebrale ben eretta, il mento abbassato e rientrato.

2. La posizione delle mani: il mudra
Le mani sono raccolte nel mudra della preghiera: con i palmi delle mani sono poggiati uno contro l’altro, le dita ben stese, le mani sollevate al centro del petto, la seconda falange dei pollici preme contro lo sterno a livello della quinta o sesta costola.

Questo tipo di mudra stimola l’armonia, la neutralità e la ricettività, attraverso un bilanciamento profondo dei due emisferi del cervello, e permette di connetterci al potere del nostro cuore.

3. Focalizzare gli occhi
Mantenendo questa posizione si chiudono gli occhi puntando sul “terzo occhio”, il punto di incontro delle sopracciglia, dov’è posizionato il sesto chakra, Anja.

ADI MANTRA
Inspirando ed espirando si recitano le parole del mantra:

Ong Namo
Gurudev Namo
mi inchino( Namo) all’energia creativa (Ong)
mi inchino (Namo) alla saggezza (Guru) sottile ( Dev)

L’Adi Mantra si recita per tre volte: la prima si canta per fissare la vibrazione nelle varie del corpo, la seconda per proiettare internamente la vibrazione, e la terza per connetterci al nostro Sé superiore.

Questo mantra  in effetti è un invito al nostro Sé più alto a prendere la guida e sostenere il corso dell’esperienza.

MANGALA CHARAN MANTRA 
La seconda parte dell’apertura  di una sessione di kundallini yoga comprende la recitazione facoltativa, sempre per 3 volte, del mantra di protezione:

Aad Gureh Nameh
Jugaad Gureh Nameh
Sat Gureh nameh
Siri guru devh Nameh
Mi inchino ( Nameh) alla saggezza ( Gureh) che era all’inizio ( Aad)
Mi inchino ( Nameh) alla saggezza ( Gureh) che esiste attraverso ogni era( Jugaad)
Mi inchino ( Nameh) alla vera ( Sat ) saggezza (guru)
Mi inchino ( Nameh) alla grande (siri) divina ( Deveh) saggezza ( Gureh)
Questo mantra viene recitato con un tempo di quattro battute e affinché sia efficace quasi non c’è pausa tra una ripetizione e l’altra. È un mantra di protezione fisica e psichica molto potente, rinforza potentemente il campo elettromagnetico che avvolge il nostro corpo fisico.

Dopo aver recitato completamente le due parti del mantra di apertura si può cominciare l’esperienza di Kundalini Yoga, con la pratica iniziale di esercizi di riscaldamento e a seguire la sequenza o Kriya composta da asana specifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *