Yoga e Coni

YOGA E CONI

Salve amici, ricevendo sempre richieste in merito alla questione coni proviamo a metterla in chiaro almeno per come è adesso la situazione.

Il coni con una chiara delibera ha escluso alcune attività dalle attività sportive, in questo miscuglio sono finite discipline come lo yoga, il pilates, il krav maga ecct, essendo ritenute non a carattere prevalente sportivo ma bensì di altra natura. Nel caso specifico dello yoga noi stessi e con noi tutti i praticanti non possiamo affermare che sia una disciplina sportiva ma bensì è una disciplina completa che tocca anche la sfera sportiva e di questo sicuramente possiamo esserne sicuri.

In seguito alla delibera si è mosso un intero movimento fondato con il nome di Yoga libero che voleva assolutamente far cambiare idea al Coni, spiegando le sue ragioni e spingendo un po’ gli insegnanti di tutti italia ad opporsi alla delibera. Quello che non è stato mai sottolineato in alcun modo è che la delibera non toccava la disciplina in se ma la caratteristica finanziaria della stessa.

Ci spieghiamo meglio: IN Italia ma quasi in tutto il mondo per poter insegnare yoga non è necessario alcun requisito, non esistono quindi requisiti di legge, ma bensì tutto viene rimandato alla responsabilità di chi pratica e insegna e questo significa che mai nessuno, compresi il CONI potesse cambiare questa cosa; essendo quindi una legge di stato nessuno quindi può vantare certificazioni o percorsi legali, per cui dal punto di vista fiscale nessuno può aprire uno studio yoga dichiarando che sia necessario e di conseguenza pretendere dei trattamenti che vengono riservati ad altre discipline che per LEGGE devono passare attraverso percorsi ben specifici.

Il problema nasce dal crescente numero di associazioni sportive che ovviamente usufruiscono di agevolazioni fiscali e ad un certo punto il fisco ha detto che non è possibile più tutto questo. Il coni quindi ha dovuto mettere bocca sulla questione specificando quindi che non è possibile tesserarsi in alcun modo, ne tanto meno affiliarsi come associazione sportiva, bensì si deve specificare che si tratta di un associazione a carattere ludico- culturale.

Cosa molto importante è che questo non significa che uno non può più aprire un associazione ed insegnare yoga, significa solo che l associazione deve prevedere anche altre formi di attività culturali e non a carattere meramente sportivo.

Inoltre questo significa che i vari corsi possono essere PATROCINATI dalle varie associazioni ed enti vicine al CONI, ma che nessuno vi può vendere corsi e percorsi come fondati, supportati o certificati in alcun modo dal CONI stesso, perché per LEGGE questo AL MOMENTO non è possibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *